Giro-del-Trentino

PRATO, BETTINI PASSA IL TESTIMONE A NUYENS

PRATO – Mancava lo stimolo della sfida con Rebellin, partito per l’Argentina a ritirare i documenti con cui diventerà ufficialmente cittadino di quel paese e potrà correre il mondiale di Verona, così Paolo Bettini si è disinteressato un po’ di questo GP di Prato che ha dato gli ultimi segnali a Ballerini per la confezione della nazionale che il 3 ottobre affronterà il circuito delle Torricelle. Il ventiquattrenne belga, uno da tener bene sotto controllo sul percorso iridato, ha preceduto il ligure Celestino dopo 177,4 chilometri abulici e poco combattuti.

Il belga, recente vincitore del Giro di Vallonia e della Parigi-Bruxelles gode di uno stato di forma non trascurabile, come lo spagnolo Flecha (e tutti gli spagnoli, il due volte iridato Freire in testa) che ha messo dietro di sé il nostri Simoni e nientemeno che il kaiser Ullrich nel Giro del Lazio di sabato. Flecha ha poche vittorie, ma in corse che pesano. Nei suoi 8 successi spiccano la tappa di Tolosa al Tour 2003 3 il Campionato di Zurigo di quest’anno, nel quale ha bruciato allo sprint il nostro Bettini. Dunque ha lo spessore dell’atleta di punta. Anche se sugli spagnoli non si sa mai cosa dire e cosa prevedere, dal momento che all’improvviso esplodono come “fenomeni” (preferibilmente a casa loro in Spagna), vedi la “strapazzata” di un certo Perez, anonimo del plotone fino a ieri e capace nella cronoscalata di Granada di umiliare i più forti scalatori iberici e mondiali alla Vuelta; e altrettanto all’improvviso si sgonfiano, vedi il caso di Aitor Gonzales, mai più ritornato agli splendori della stupefacente condizione che gli fece vincere proprio la grande corsa a tappe spagnola.

Bettini considera Nuyens il suo erede naturale e probabilmente non si sbaglia, vista la facilità con cui ha vinto a Prato, dominando lo sprint sugli undici compagni di fuga. A due settimane esatte dal mondiale di Verona, la classica pratese chiude il discorso delle maglie azzurre che Ballerini consegnerà ufficialmente domani. Nardello a Prato conferma la sua buona forma, brillantissimo Filippo Simeoni che è ancora in bilico, ma sembra essersi meritato sul campo il suo posto per la prova iridata. Per il resto, nel gruppetto di testa si registra la presenza di Celestino (ma forse per lui è troppo tardi), del vecchio Faresin e del promettente Marzano, di Barbero e Cappè e di alcuni stranieri tra cui Popovych più altri non di primissima fila (Hamburger e Pugaci). Una fuga, nata al quinto passaggio sulla salita di Seano, che ha avuto subito partita vinta, vista la risposta tiepida dei big: nè Bartoli, nè Basso, nè Simoni hanno reagito, perdendo la corsa e forse l’ultimo treno per Verona.

Fra i 14 che Franco Ballerini porterà a Verona un solo dubbio e con tre nomi. Lo ha detto lo stesso ct azzurro dopo la corsa. “Voglio sfruttare ogni secondo che ho a disposizione fino a domani mattina; e poi la notte porta consiglio. Rifletto molto su quello che faccio e quando decido sono fermo”.

La squadra azzurra ha già una sua precisa fisionomia: sicuri sono Bettini (cui spetta di diritto la maglia azzurra perchè campione olimpico in carica), Cunego, Garzelli, Moreni, Bertagnolli, Paolini, Nardello e Frigo probabili: Cioni, Petito, Mazzanti, Simeoni, Simoni. Fra Basso, Sella e Pellizotti l’ultimo nome.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *